LA MANUTENZIONE DEL PRATO MESE PER MESE – MAGGIO

INDICE

LA CALIBRAZIONE DEL CARRELLINO Parte II (Continua) Tre sono i metodi per la calibrazione del carrellino centrifugo. Metodo 1) Si effettua un passaggio sopra un telo di plastica precedentemente ritagliato a misura (ovvero di area nota); si raccoglie il concime distribuito, lo si pesa e lo si rapporta all’area del telo; si ripete quindi l’operazione, aumentando o diminuendo il grado di apertura della tramoggia, fino a raggiungere la quantità di materiale desiderata. Si tratta di un metodo poco utilizzato (più pratico per il carrellino con distribuzione a caduta gravitazionale): parte dei granuli possono rimbalzare fuori dal telo rendendo la lettura e il calcolo imprecisi. Metodo 2) Una quantità prestabilita di concime viene distribuito su una superficie nota a una data apertura della tramoggia; la tramoggia viene svuotata del prodotto in eccesso e il concime residuo pesato: dalla differenza del peso del concime prima e dopo l’operazione si ricava un’informazione precisa (metodo consigliato) sebbene l’operazione richieda tempo e implichi un certo spreco di materiale. Metodo 3) Servirsi di speciali vassoi di raccolta per carrellini centrifughi. Metodo estremamente pratico e preciso ma di difficile realizzazione data la non facile reperibilità di tali vassoi sul mercato.

Un Anno con Barenbrug – Maggio 2023 – SCARICA IL PDF

Condividi questo Post!

SUPERIORE

Carrello 0

VISTI DI RECENTE 0